NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Approvo` acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIES

Cosa sono i Cookies
Un cookie è un file di testo che un sito web salva sul browser del computer dell’utente. Solitamente i cookie consentono di memorizzare le preferenze espresse dall’utente per non dover essere reinserite successivamente. Il browser salva l’informazione e la ritrasmette al server del sito nel momento in cui l’utente visita nuovamente quel sito web.

Uso dei Cookies

L’accesso ad una o più pagine del sito può generare i seguenti tipi di cookies:

  • Cookie      tecnici:      consentono il corretto utilizzo del sito. Possono essere di due tipi:
  • Persistenti:       rimangono memorizzati sul browser dell’utente fino a una certa data       preimpostata e variabile da Cookie a Cookie;
  • Di       sessione: vengono cancellati una volta chiuso il browser.
  • Cookie      analitici:      utilizzati dal server o da terze parti per raccogliere dati in forma      anonima e aggregata sull’utilizzo del sito web, la sorgente di traffico,      le pagine visitate e il tempo trascorso sul sito;
  • Cookie      tecnici di terze parti: utilizzati da      terze parti per consentire l’integrazione del sito con i profili social      per le preferenze espresse sui social network e la condivisione dei      contenuti da parte degli utenti.

Disabilitazione dei cookie
La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente, ma è possibile rifiutarli. Se non si desidera ricevere o memorizzare i cookie, si possono modificare le impostazioni di sicurezza del browser utilizzato (ad es.: Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari Opera, ecc…). Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. Indicazioni circa le modalità di gestione dei cookie possono essere acquisite consultando i siti ufficiali dei browser.

Cittadinanza - jure sanguinis

DOCUMENTI DA PRESENTARE A CORREDO DELL’ISTANZA DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA JURE SANGUINIS AI SENSI DELLA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL'INTERNO K.28.1 DEL 08.04.1991

frecciaestratto per riassunto dell’atto di nascita dell’avo italiano emigrato all’estero OVVERO dichiarazione, a norma dell’articolo 18 legge 07.08.1990, n. 241 che l’atto di nascita de-quo trovasi iscritto nei registri del Comune di _XXX prov. YY, anno ? parte ? serie ? numero ?;
frecciaatti di nascita di tutti i discendenti, in linea retta, dell’avo di cui al punto precedente, compreso quello del richiedente, tradotti e legalizzati dalla competente Rappresentanza Diplomatica Italiana
frecciaatto di matrimonio dell’avo di cui al punto a) tradotto e legalizzato dalla competente Rappresentanza Diplomatica Italiana
frecciaatti di matrimonio di tutti i discendenti, in linea retta, dell’avo di cui al punto a), compreso quello dei genitori del richiedente, tradotti e legalizzati dalla competente Rappresentanza Diplomatica Italiana
frecciaatto di morte dell’avo di cui al punto a) e di tutti i discendenti, in linea retta, eventualmente deceduti, tradotti e legalizzati dalla competente Rappresentanza Diplomatica Italiana
frecciaCertificato rilasciato dalle competenti Autorità nello Stato Estero, tradotto e legalizzato dalla Rappresentanza Diplomatica Italiana, attestante che l’avo di cui al punto a) non acquistò la cittadinanza dello Stato Estero di emigrazione, prima della nascita dell’ascendente del sottoscritto istante.

ATTENZIONE! Per poter svolgere la pratica presso il comune di Viareggio è necessario che:
  1. il richiedente sia entrato legalmente nel territorio Nazionale
  2. il richiedente sia in possesso di passaporto, visto se richiesto, permesso di soggiorno con motivazione “in attesa di cittadinanza” o altra motivazione che consenta la dichiarazione di residenza e la, conseguente, iscrizione all’Anagrafe della Popolazione Residente
  3. sia legalmente residente nel Comune di Viareggio e iscritto all’Anagrafe della Popolazione Residente
  4. tutta la documentazione sia in originale
  5. ogni documento sia legalizzato dalla Rappresentanza Diplomatica Italiana nel Paese Straniero e, inoltre, munito di traduzione ufficiale in lingua italiana –(in sostituzione della legalizzazione è accettata la formalità dell’APOSTILLE per i paesi aderenti alla Convenzione dell’Aja del 1956)