NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Approvo` acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIES

Cosa sono i Cookies
Un cookie è un file di testo che un sito web salva sul browser del computer dell’utente. Solitamente i cookie consentono di memorizzare le preferenze espresse dall’utente per non dover essere reinserite successivamente. Il browser salva l’informazione e la ritrasmette al server del sito nel momento in cui l’utente visita nuovamente quel sito web.

Uso dei Cookies

L’accesso ad una o più pagine del sito può generare i seguenti tipi di cookies:

  • Cookie      tecnici:      consentono il corretto utilizzo del sito. Possono essere di due tipi:
  • Persistenti:       rimangono memorizzati sul browser dell’utente fino a una certa data       preimpostata e variabile da Cookie a Cookie;
  • Di       sessione: vengono cancellati una volta chiuso il browser.
  • Cookie      analitici:      utilizzati dal server o da terze parti per raccogliere dati in forma      anonima e aggregata sull’utilizzo del sito web, la sorgente di traffico,      le pagine visitate e il tempo trascorso sul sito;
  • Cookie      tecnici di terze parti: utilizzati da      terze parti per consentire l’integrazione del sito con i profili social      per le preferenze espresse sui social network e la condivisione dei      contenuti da parte degli utenti.

Disabilitazione dei cookie
La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente, ma è possibile rifiutarli. Se non si desidera ricevere o memorizzare i cookie, si possono modificare le impostazioni di sicurezza del browser utilizzato (ad es.: Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari Opera, ecc…). Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. Indicazioni circa le modalità di gestione dei cookie possono essere acquisite consultando i siti ufficiali dei browser.

STORIE DI MARE, DI VENTI E DI VELE

STORIE DI MARE, DI VENTI E DI VELE NEL MUSEO DELLA MARINERIA DI VIAREGGIO

La storia di Viareggio è una storia di uomini dalle origini umili, che hanno saputo con il duro lavoro trasformare una landa paludosa e malarica in una città ridente, nota in tutto il mondo come la “Perla del Tirreno”, capitale indiscussa del turismo estivo, della mondanità e del carnevale d’Italia e d’Europa.
Una storia di lotte contro le avversità della natura, d’ingegno, di tenacia di lavoro, e in questa storia ricopre un ruolo determinante l'attività della marineria, che ebbe il suo momento di massimo sviluppo nell'Ottocento.
Se dai documenti d’archivio si apprende che nel Seicento nasce l'attività marinara, l'arte della costruzione navale si svilupperà molto tempo dopo, quando Maria Luisa di Borbone, Duchessa di Lucca, il 2 ottobre 1819, decretò la costruzione della prima darsena, l'attuale darsena Lucca, per assecondare "le molteplici istanze presentateci per la costruzione dei bastimenti nel porto di Viareggio e per la facilità di vararli, mancando in quel porto le attrezzature per una mano d'opera sì rispettabile e di tanto interesse per quella numerosa popolazione".
Il primo costruttore di bastimenti fu Valente Pasquinucci che già nel 1809 aveva allestito, insieme al calafato Pasquale Bargellini, la tartana "San Pietro". Poi iniziarono l’attività di costruttori navali Carlo Pasquinucci (figlio di Valente), Stefano e Giovanni Bargellini.

immagine veliero

 

 Dopo il 1860, i cantieri si moltiplicarono, specialmente per opera di Achille ed Alessandro Raffaelli, di Lorenzo Bargellini, di Lorenzo Benetti e dei fratelli Codecasa.
La costruzione dei velieri si sviluppò subito con grandissimo prestigio, grazie all'opera intelligente ed all'estro creativo di Gino Benetti e Fortunato Celli, il popolare "Natino", che si fece notare per l'eleganza degli scafi tanto che i suoi bastimenti sono entrati nella leggenda.
Ne è rimasto suggestionato anche lo scrittore Mario Tobino che nel romanzo "Sulla spiaggia e di là dal molo" gli dedica un racconto, preceduto da questi versi: "Costruisti, Natino, i bastimenti più belli, freschi e superbi in ogni mare, avevano il soffio delle anfore greche".
Lo storico lucchese Salvatore Bongi, in una pubblicazione del 1865 ha scritto: "La navigazione e la pesca sono le principalissime occupazioni degli abitanti di Viareggio... gli audacissimi e valorosi marinai di Viareggio si conducono in qualunque parte del Mediterraneo, e non manca l'episodio di qualche barca viareggina che abbia osato affrontare l'Oceano e spingersi fino all'estrema America, ed in generale Viareggio è da considerarsi, piuttosto che un vero porto di mare, un semenzaio di marinai".
Una marineria nata dall'intelligenza e dal coraggio di uomini che con le loro imprese suscitarono ammirazione di tutto il mondo e che, nel 1898, fece esclamare l'Ammiraglio Costantino Morin: "in Italia ci sono ormai pochi marinai, e questi marinai sono viareggini". Un altro aspetto dell'attività marinara viareggina, che ha fatto parlare di se, è quello dei palombari che nella ricerca dei tesori degli abissi non ebbero rivali e che con le imprese dell'”Artiglio" scrissero pagine di storia diventate leggenda.
Oggi l'eredità marinara viareggina è stata acquisita nei moderni cantieri che hanno raggiunto un altissimo livello qualitativo nella costruzione navale da diporto, pregevole ed apprezzata in tutto il mondo e in quella di imbarcazioni altamente specializzate, frutto di una continua ricerca della perfezione stilistica e di una sempre più avanzata tecnologia.
Queste storie di mare, di venti e di vele rappresentano la “memoria” di Viareggio, un patrimonio che la città conserva e valorizza, diffondendone la conoscenza, nel Museo della Marineria da poco istituito nei locali dell’ex Mercato Ittico, sul lungo canale in prossimità della darsena Toscana.
Un Museo che conserva un patrimonio storico e culturale che illustra le radici e l’identità di Viareggio e dei suoi abitanti.

Paolo Fornaciari