Cittadinanza - jure sanguinis - Comune di Viareggio

Servizi | Stato Civile | Cittadinanza | Cittadinanza - jure sanguinis - Comune di Viareggio

Cittadinanza - jure sanguinis

I cittadini stranieri, discendenti di cittadini italiani, per discendenza paterna, e, dopo il 1 gennaio 1948 anche materna, possono chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana, secondo quanto previsto dalla Circolare K28.1 dell’8 aprile 1991.


Requisiti
Per poter ottenere il riconoscimento del possesso dello status civitatis italiano è necessario dimostrare di essere discendente di cittadino italiano ed avere stabilito la residenza nel Comune di VIAREGGIO.


Documentazione richiesta e modalità
Una volta definita e conclusa positivamente l’iscrizione anagrafica, il richiedente deve presentare previo appuntamento all’Ufficio di Stato Civile Ufficio Cittadinanza, l’istanza di riconoscimento della cittadinanza iure sanguinis, con marca da bollo da 16,00 euro, corredata dalla seguente documentazione recente,  in buono stato di conservazione e munita di albero genealogico redatto in carta semplice:


AVO ITALIANO (persona nata in Italia)
Solo per l’avo italiano:
    • Atto di nascita o certificato di battesimo con legalizzazione della Curia Vescovile
    • Atto di matrimonio integrale
    • Atto di decesso integrale
    • Certificato rilasciato dalle competenti Autorità dello Stato estero di emigrazione, attestante che l’avo italiano, a suo tempo emigrato dall'Italia non acquistò la cittadinanza dello Stato Estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell'ascendente dell'interessato (certificato negativo di naturalizzazione)

DISCENDENTI DELL’AVO ITALIANO (persona nata all’estero)

Per ognuno dei discendenti dell’avo italiano:
    • Atto di nascita integrale
    • Atto di matrimonio integrale
    • Eventuale sentenza di divorzio
    • Atto di decesso (se deceduto)


IMPORTANTE!!!
Tutti i documenti esteri devono essere presentati in versione integrale, in originale, legalizzati dal  Consolato Italiano competente o muniti di Apostille della Convenzione dell’Aja del 5/10/1961 (nel caso in cui il paese estero abbia aderito alla Convenzione) e tradotti in lingua italiana. La traduzione eseguita all’estero deve essere ugualmente legalizzata o Apostillata, se eseguita in Italia deve essere asseverata presso la Cancelleria di un Tribunale italiano).
Il procedimento non potrà essere avviato in caso di mancata presentazione di qualsiasi documento previsto.

Informazioni
Nota bene: I cittadini interessati ad avviare il procedimento di riconoscimento della cittadinanza jure sanguinis dovranno concordare un appuntamento, contattando l'Ufficio di Stato Civile.
In occasione dell’appuntamento, saranno fornite ulteriori informazioni relative al procedimento nel Comune di Viareggio, con particolare riferimento alle diverse fasi a partire dalla verifica preliminare fino alla eventuale conclusione del procedimento stesso.

Normativa di Riferimento


Legge n. 555 del 13 giugno 1912 - Sulla cittadinanza italiana
Legge n. 91 del 5 febbraio 1992 - Nuove norme sulla cittadinanza
D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa
Circ. Ministero dell'Interno 8 aprile 1991. n. K.281 - Riconoscimento del possesso dello status civitatis italiano ai cittadini stranieri di ceppo italiano.
Circ. Ministero dell’Interno 1 giugno 2007, n. 26 – Falsificazione di atti nella procedura per il riconoscimento della cittadinanza italiana.
Circ. Ministero dell’Interno 28 settembre 2007, n. 52 – Iscrizione anagrafica per il riconoscimento della cittadinanza dei discendenti di cittadini italiani. Attuazione della legge n. 68/2007 sui permessi brevi.
Circ. Ministero dell’Interno 20 gennaio 2009, n. 4 – Falsificazione di documenti nelle procedure per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (3 valutazioni)